I.I.S. Il Tagliamento | I.T.Ag. | I.T.I. | I.P.S.C. | I.T.E.T.
Via degli Alpini 1 33097 Spilimbergo | Pn
PEC: pnis00400g@pec.istruzione.it | Cod.Mec. PNIS00400G | Codice univoco ufficio UFID2W
Stella di natale

Stella di Natale

E’ una pianta ornamentale originaria del Messico e appartiene alla famiglia delle Euphorbiaceae.

Nel suo ambiente originario e nelle altre zone tropicali in cui è stata introdotta, si sviluppa fino a raggiungere altezze considerevoli (tra 2 e 4 metri).

Il vero nome è Euphorbia Pulcherrima ma è spesso chiamata Poinsettia da Joel Robets Poinsett, ambasciatore statunitense che portò con sé la pianta dal Messico nel 1825.

La fioritura coincide con le giornate più brevi dell'anno, tra dicembre e marzo.

Le foglie rosse (brattee) contornano il vero fiore che è giallo e molto più piccolo, posto all'apice dei rami.

Esistono anche poinsettia con brattee rosa, bianche o puntinate, è stata assunta a simbolo di un periodo di festività proprio per i suoi colori (in prevalenza il rosso ed il verde).

Si racconta che, una notte di Natale, una ragazzina molto povera volesse portare un omaggio all’altare di Gesù bambino e compose quindi un mazzolino di ramoscelli e fili d’erba sperando che questo umile dono fosse gradito.

Mentre era assorta nelle sue preghiere dalla composizione da lei creata sbocciarono stupendi fiori rossi a forma di stelle.

Da allora la Stella di Natale divenne il fiore natalizio per eccellenza.

Questo fiore rappresenta quindi amore e fiducia verso il prossimo e regalarla rappresenta un augurio di buon auspicio, rinnovamento, giovinezza e salute.

Curiosita’

La Stella di Natale oltre ad essere apprezzata a fini ornamentali, può essere utilissima in casa perché assorbe sostanze chimiche nocive che si possono generare negli ambienti chiusi.

Però all'interno del suo gambo la stella di Natale conserva una sostanza lattiginosa che ha proprietà irritanti per la pelle umana e che è addirittura molto tossica per cani e gatti.

Come prendersi cura della Stella di Natale

La poinsettia che hai preso è stata in serra da noi a partire da questa estate, è stata rinvasata utilizzando del terriccio acido e ben drenato.

Cimata perchè sviluppasse più rami e quindi più fiori, concimata ed irrigata con cura, per evitare malattie legate all’eccessiva umidità dell’aria.

Potrebbe sopravvivere in vaso, anche 2-3 anni raggiungendo un’altezza di 40-50 cm.

Ricordati però che è una pianta macroterma (temperatura critica minima 15°C) e brevidiurna. Soffre gli sbalzi climatici, l’aria troppo secca degli appartamenti e la scarsa luminosità.

Quindi:

- posizionala in un angolo luminoso ma al riparo da correnti d’aria

- annaffiala regolarmente ma con poca acqua a temperatura ambiente

- prima di bagnarla assicurati che il terriccio sia secco, se no puoi aspettare.

- dopo la sfioritura puoi accorciarle i rami principali di 3 cm e rinvasarla in terriccio acido, potando leggermente anche le radici.

- in primavera puoi esporla all'ambiente esterno - puoi concimarla con concimi a base di potassio e fosforo. Il momento migliore per le concimazioni è la fine dell'estate.

Puoi trovare in azienda le Stelle di Natale di tutti i colori

rosse, screziate, bianche e rosse con le foglie un po' arrotolate, e di tre dimensioni.

In base al diametro del vaso le abbiamo grandi 10, 14 e 17.

 

 


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.